lunedì 17 aprile 2017

Incontrare i Maestri St. Germain - Il sentiero degli ordini superiori




E ringraziamo il Maestro che è stato con noi questa sera.

E il Maestro ci dice:

Avete fatto dei discorsi molto profondi, ma non vi dovete preoccupare di che ruolo hanno i Maestri!

Perché i Maestri, come sapete, scendono sulla Terra per portare una nuova parola, un nuovo insegnamento,e qualsiasi ipotesi è una speculazione mentale, che non vi porta nessuna apertura, poiché quando sarà il momento forse alcuni di voi lo riconosceranno, altri lo disconosceranno, ma non è per questo che i Maestri scendono sulla Terra!

I Maestri non scendono sulla Terra per essere conosciuti!
Anche se raccolgono intorno a sé anime evolute che li riconoscono,
ma li riconoscono nella parola, negli atti, nell’amore che diffondono intorno a sé.

Spesso, come sapete, i Maestri incarnati richiamano a sé dei discepoli:
li scelgono uno per uno, affinché poi possano portare a loro volta la parola nel mondo.

Questo è il compito dei discepoli: connettersi con il Maestro e diffondere, come una goccia d’acqua, che piano piano alimenta il deserto, e permette ai fiori di crescere, e alle anime di sperimentare, di trovare la pace, di trovare l’armonia.

Noi, come vi diciamo spesso, siamo legati a voi, perché voi siete il nostro tramite:
cuore aperto significa poter trasferire con il linguaggio degli umani le nostre volontà,
gli obiettivi, gli incoraggiamenti, nuove visioni.

Tanto è cambiato nei tempi, tanti Maestri si sono avvicendati, una lunga strada è stata fatta nell’evoluzione e nell’equilibrio,
per l’evoluzione e per l’equilibrio, ma c’è ancora tanto da fare, sempre più in rarefazione, sempre più nella trasmutazione,
sempre più nella conoscenza sottile, e questa conoscenza ritorna dai tempi dei tempi, perché:
Era, E’ e Sarà.

Una conoscenza antica che era già a disposizione di tutti e che poi è svanita per la volontà degli uomini,
per l’ingordigia degli uomini, per l’avidità, e che ora piano piano ritorna.

Avete dovuto passare da diverse situazioni fino ad arrivare alla scoperta scientifica, alla meccanicità, all’uso dell’elettronica
per poi passare oltre e per scoprire che tutti questi sono strumenti che vi aiutano a cambiare il modo di pensare, e persino il modo di agire.

State nell’osservazione, state nella sperimentazione, state nella guarigione.

E ricordate che ogni volta che vi dite: IO SONO, fate un passo in avanti per la guarigione della vostra anima.

Vi benedico e vi saluto”.


Surabhi, giovedì 13 aprile 2017

giovedì 13 aprile 2017

Draghi e Unicorni




E ringraziamo i Draghi e gli Unicorni che sono stati con noi questa sera, accompagnati dalle loro Divinità.
In particolare c’è stata la presenza della Divinità dell’Unicorno,
perché l’Unicorno raramente si sposta da solo, ma si muove accompagnato dal suo mondo fatato, che lo protegge energeticamente dalle influenze esterne.

L’Unicorno è troppo delicato per entrare i contatto con tutti gli umani non perché tema,
ma semplicemente perché la sua energia di vibrazione, così forte, è in contrasto con le energie più spesse, più carnali.
In questo sta la delicatezza dell’Unicorno che, al contrario, è un animale forte, potente e indistruttibile.

L’Unicorno potenzia le nostre capacità di visione, le capacità di connessione,
e restare in connessione con Lui significa attingere ai mondi superiori con maggior facilità, maggior versatilità.

Potremmo definirla un’autostrada, una via preferenziale, una via limpida, cristallina, anche nel sentire e nell'agire; una via del cuore, dove ogni energia che viene messa in atto e in contatto con l’Unicorno, confluisce nel Tempio.

Il Tempio si alimenta delle energie sottili, delle energie coscienti, delle energie di Luce.
L’Unicorno è un tramite tra il mondo del materiale, il mondo dei Maestri e delle Gerarchie Angeliche.

E’ come un passaggio, un passaggio di Luce.

Così come il Drago porta l’energia nell’incarnazione con tutta la sua forza e la sua potenza, così l’Unicorno porta la sua energia nelle liberazione, nell’evoluzione dell’anima.
Andate in pace e alimentate il Vostro cuore.



Surabhi, giovedì 30 marzo 2017

martedì 7 febbraio 2017

Imbolc - tempo di cambiamento

Imbolc - tecnica mista su carta  by Surabhi
E la Dea ci dice:

“Figlie, è sì il tempo del rinnovamento ma soprattutto è il tempo della Luce,
è il tempo di abbandonare ciò che non vi serve,
è il tempo di riflettere e prepararvi ai prossimi eventi,
è il tempo ancora dell’interiore, perché il sole sta nascendo,
ma è ancora il tempo di rivolgersi dentro di sé.

Ogni donna porta dentro di sé il seme del frutto che nascerà, indipendentemente dall’età,
perché ci sono semi per l’incarnazione e semi per lo sviluppo spirituale,
e quando si passa il periodo di portatrici di semi per l’incarnazione,
si diventa portatrici di semi per la spiritualità,
per l’accudimento degli altri,
per la sorellanza e la fratellanza.

Il seme ha tante facce,
il seme quando si apre porta all'esterno la sua forza, il suo nutrimento e la sua costanza,
e voi dovete essere come questi semi:
portatrici di benessere, di accudimento, di forza e di incoraggiamento,
poiché ogni donna è un valore inalienabile.

E imparare a guadagnarsi il rispetto e la considerazione, è fondamentale,
perché nel momento in cui riconoscerete voi stesse, sarete riconosciute anche dagli altri,
e spanderete intorno la vostra Luce, il vostro equilibrio e la vostra armonia.


E vi dico: Andate in pace,  perché io sono sempre vicino a voi e con voi”.

Surabhi, mercoledì 1 febbraio 2017 

martedì 6 dicembre 2016

settimana delle terapie di luce

Dal 10 al 16 dicembre. dalle ore 8.00 alle ore 21.00

Una settimana dedicata alla crescita personale.
Un dolce modo per prendersi cura di sé stessi e entrare in contatto con gli Esseri di Luce.

con Fosca potrai provare:
Tarocchi degli Angeli, Equilibrio Angelico, Incontra il tuo Angelo

con Surabhi potrai provare:
Tarocchi, AuraSoma, Ricevi il messaggio degli Esseri di Luce

Consulti da 30 minuti promozionati!
Sconto ulteriore per chi porta un amico


Per informazioni puoi chiamare:
Fosca 391 367 8951
Surabhi 346 845 8414

puoi prenotarti direttamente sul sito www.ilcardoelarosa.it//home.php

venerdì 2 dicembre 2016

Messaggio di Kryon

Kryon - pastello su carta -canalizzato  by Surabhi
Amata,
questo è l’inizio. Il nuovo inizio.
Non c’è fine ne principio nel respiro dell’infinito. Perché tutto è armonia, pace, tranquillità e amore infinito.
Nella Grazia Divina, c’è la risposta. Tutte le risposte che cerchi sono lì, tutto il sapere e anche la conoscenza.
Ogni impulso deriva da questo immenso mare cosmico e il respiro dell’infinito è il tuo respiro. Il tuo respiro vitale. In questo infinito attimo, in questo tempo senza tempo sta la benedizione Divina; l’incontro della anime, senza confini, in espansione e in libertà: è da lì che viene l’ispirazione, è da lì che viene l’amore.
Tutto è uno. Non è una iperbole ma il profondo significato del reciproco legame. Anima con anima. Cuore con cuore.
Questo respiro infinito è un continuo movimento che assomiglia al mare. Dove, invece dell’acqua, sta la vibrazione.
Stare nella vibrazione è il profondo significato dell’esistenza. Esistenza uguale immortalità. Di vita in vita, un’infinita catena d’amore.
Io sono.
Io sono Kryon, vai in pace.

27 ottobre 2016

lunedì 26 settembre 2016

Mabon - parla la Dea

Messaggio della Dea

“Figlie, la Dea è con voi.

Vi accompagna nel vostro cammino,
a volte vi impedisce di inciampare,
vi attenua le cadute, vi aiuta a riprendervi,
vi sostiene con il suo amore, la sua attenzione e la sua cura,
poiché la Dea ama le sue figlie, ama tutti i suoi figli,
ma riconosce come in uno specchio le sue figlie,
perché sono simili a lei:
nel dare, nell’amare incondizionatamente, nel permettere al cuore di ferirsi,
nel perdono e nella compassione, nella scelta, nell’intuizione.

La Dea è lì con voi, come una Madre che teneramente accompagna per mano,
ma vi lascia libere nel vostro libero arbitrio,
perché la Madre ha imparato a staccarsi dai suoi figli,
ma è lì pronta ad accorrere in vostro aiuto, pronta al vostro richiamo,
pronta a darvi amore, incoraggiamento e protezione,
e vi benedice in ogni momento della vostra vita,
così come sta facendo anche ora, toccando i vostri cuori, ponendo le sue mani sul vostro capo e passando tra di voi mentre porta la fiamma che avete acceso,
e questa fiamma arderà nei vostri cuori, illuminerà le vostre scelte e vi renderà ogni giorno più consapevoli.

Andate in pace con la mia benedizione”.



Surabhi, giovedì 22 settembre 2016

mercoledì 7 settembre 2016

Festeggiamo Lugnasad

Festeggiamo Lughnasad

E ringraziamo la Dea che è stata qui con noi questa sera,
che ci ha ascoltato,
che si è divertita,
che ci ha incoraggiato.
Che attraverso la sua misteriosa aura ci ha portato i suoi raggi d’amore,
che ha assistito ai nostri riti e di nuovo attraverso i riti ci ha mandato la sua benedizione; così come sta facendo anche adesso, benedicendo questi doni della Terra,
affinché siamo consapevoli che tutto ciò che ci viene dalla Terra è benedetto.
Foto e illustrazioner by Surabhi

E la Dea porta la sua benedizione anche sui cactus,
perché anche i cactus simbolicamente sono importanti per questo rito,
poiché buttano fuori le spine e possono pungere,
ma all’interno c’è morbidezza e sono un insegnamento,
per ricordarvi che anche se ci sono delle spine,
la vita può essere molto dolce,
purché si passi dall’accettazione e dalla comprensione.

Quindi la Dea benedice tutta questa stanza,
tutti gli oggetti di questa stanza,
tutte le persone di questa stanza,
tutti i frutti di questa stanza,
tutta l’acqua di questa stanza,
tutti gli elementi di questa stanza,
tutti i muri di questa stanza.

E mentre benedice, posa le sue mani su ognuno di noi, sulla testa e sul cuore,
e ci invia il suo grande raggio,
e questi raggi ci danno la forza di camminare nella vita,
di fare nuove esperienze,
di approcciare nuovi modi di essere,
di esprimersi con creatività,
di esprimersi con amore,
di esprimersi con comprensione
di esprimersi con consapevolezza.

Ci invita anche a perdonare noi stessi,
perché tutti gli uomini faticosamente fanno il loro cammino,
un cammino fatto di sfide, di difficoltà di dispiaceri,
ma anche di gioia, di amore, di comprensione.


Surabhi, 1 agosto 2016

Google+ Followers

Google+ Badge